Ridussero in fin di vita uno studente davanti la Reggia dopo avergli offeso la fidanzata, il Pm senza pietà per la gang di Recale: chiesti 8 anni di carcere per 4 giovani

Recale. Cinque anni fa pestarono a sangue davanti alla Reggia di Caserta, tanto a ridurlo in fin di vita, un giovane studente universitario che voleva solo difendere la sua ragazza da apprezzamenti e sfottò. Oggi per ognuno dei quattro responsabili, Andrea Mastroianni, Marco Mazzeo, Yuri Petrillo e Marco Oliviero, tutti residenti a Recale, comune confinante con Caserta, il pm della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere Gennaro Damiano ha chiesto otto anni di carcere. La vittima, che si e’ costituita con i suoi familiari parte civile nel processo ed e’ assistita dagli avvocati Raffaele Gaetano Crisileo, riporto’ lo spappolamento della milza. Dal dibattimento e’ emerso come il giovane studente fu salvato solo grazie al tempestivo intervento della Polizia di Stato e alle continue trasfusioni di sangue effettuate presso l’Ospedale Civile di Caserta, dove fu ricoverato subito dopo il fatto e prontamente operato. Quasi tutti ventenni i protagonisti della vicenda. A scatenare la furia dei quattro ragazzi fu il tentativo della vittima di proteggere la fidanzata, cui gli imputati avevano rivolto frasi pesanti. I quattro oggi erano presenti in aula, la vittima invece ha preferito non venire.

Condividi Post
Nessun commento

Lascia un commento