Alberto Angela e le meraviglie d’Italia: la Reggia di Caserta raccontata da Servillo

Caserta (Oreste Cresci). Non sono bastate  le polemiche post-matrimonio e quelle dopo  il crollo nella Sala delle dame a smontare l’immagine  della Reggia di Caserta che, ieri sera, ha potuto beneficiare di una vetrina di spessore nazionale. La residenza Borbonica è stata protagonista, infatti, del nuovo format tv di Alberto Angela: “Meraviglie-La penisola dei tesori”. Il lavoro, di pregevole fattura, è stato realizzato dalla Rai e, nella prima puntata andata in onda ieri sera, dedicata ai beni patrimonio dell’Unesco sul suolo italiano, gran spazio è stato dato ai siti di Terra di Lavoro. Gli interni della Reggia Vanvitelliana, il Giardino inglese e persino il curioso aneddoto sul bidet presente nel bagno della Regina, fra i primi nel mondo, hanno incantato la vasta platea di spettatori. A fare da ciliegina sulla torta poi, è stato il racconto dell’attore casertano Toni Servillo che ha narrato le emozioni provate durante la sua prima visita a palazzo e, soprattutto, l’importanza che esso ha per i casertani. Immancabile poi è stato il passaggio sulle sete di San Leucio, che godono di fama mondiale e che, oltre ad adornare i muri della camera da letto della Reggia, sono presenti anche alla Casa Bianca negli USA ed a Buckingham Palace. “ La Reggia è il simbolo della creatività italiana e, a distanza di generazioni lascia sempre meravigliati e a bocca aperta”, ha commentato il conduttore visibilmente e sinceramente emozionato nonostante abbia più volte ha visitato il Palazzo Reale. Intanto sui social parecchi utenti commentavano insieme la puntata, esaltando le bellezze e del Parco e della Reggia. C’è stato anche chi, ironicamente, ha proposto la candidatura di Albero Angela a presidente del consiglio, mentre per il pubblico femminile ormai, il celebre divulgatore, è diventato un vero e proprio “sex symbol”.

Condividi Post
Nessun commento

Lascia un commento