Piedimonte Matese, abusi sui bambini: in cella il mostro

Piedimonte Matese. E’ stato arrestato il presunto pedofilo che ha violentato due bambine di 14 e 12 anni: le vittime sono la figlia della moglie (la donna aveva avuto la bambina da un precedente matrimonio) e l’amichetta della bimba che frequentava l’abitazione della coppia. L’uomo, di 32 anni, nato negli Stati Uniti ma residente ad Alife, E.R., è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Piedimonte Matese e trasferito nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. E’ accusato di violenza sessuale ai danni delle due minorenni. Sarebbe lui l’orco che i carabinieri e i magistrati della procura di Santa Maria Capua Vetere stavano cercando da ben 16 giorni. Il tre ottobre, la madre della quattordicenne aveva accompagnato la piccola in ospedale per dolori nelle parti intime. I medici dell’ospedale di Piedimonte Matese avevano riscontrato delle lesioni riconducibili a un abuso sessuale. Da quel momento in poi sono scattate le ricerche dell’orco, seguite da una confessione in lacrime della bambina che, alla fine aveva confessato di aver subito «attenzioni» dal compagno della madre di una sua amichetta. Spesso la bambina si recava a casa della compagna di scuola per giocare e svolgere i compiti assegnati in classe. Approfittando dell’assenza della moglie, fuori casa per commissioni, il trentaduenne avrebbe abusato delle bambine.

Nessun commento

Lascia un commento